Lagrein

Il Lagrein è un vitigno autoctono dell’Alto Adige, il cui nome potrebbe far pensare ad una sua origine della Val Lagarina, mentre in realtà è quasi certo che Lagrein derivi da Lagara, colonia della Magna Grecia in cui si produceva un vino conosciuto come “Lagaritanos“. Questo è stato successivamente confermato da ricerche sul DNA condotte anche sui vitigni originari della zona. Fino al XVIII secolo con “Lagrein” di solito si indicava un Lagrein bianco, che è stato probabilmente fin dal Medioevo la più importante varietà della zona. Il Lagrein Rosso (“roter Lagrein“) trova la prima citazione nel 1525. Di questo vitigno si conoscono due biotipi diversi per la diversa forma e dimensione del grappolo: Lagrein a grappolo corto e Lagrein a grappolo lungo. Le zone di coltivazione più antiche per il Lagrein sono le aree intorno a Bolzano, nel quartiere di Gries, che nel corso degli ultimi 100 anni causa la forte espansione della città ne sono stati inglobati. Negli ultimi decenni si sono fatte notare per la qualità della produzione anche le zone orientali di Bolzano (Piani e Rencio) e quelle di Ora (Auer). Soltanto dagli anni 1990 il vino Lagrein viene commercializzato come rosso in purezza (“Dunkel“), con 25.000 ettolitri di vino prodotti annualmente, rispetto ai 3.200 ettolitri come rosato (“Kretzer“). E’ un vino dalla struttura importante e da un contenuto in tannini e antociani di tutto rispetto. Si presta molto bene all’invecchiamento e le versioni più mature si abbinano alla perfezione con i piatti di selvaggina tradizionali della regione di provenienza.